Nigeria: Casi COVID-19 in ascesa

nigeria-covid-19(Abuja, 25 marzo 2020) – Il governo nigeriano dovrebbe assicurarsi che la sua risposta alla pandemia di COVID-19 sia radicata nel rispetto dei diritti umani garantendo l’accesso ai servizi sanitari standard, all’acqua pulita e ad altre necessità di base ai più vulnerabili comunità, ha detto Human Rights Watch oggi. I servizi dovrebbero essere disponibili su una base equa a quelli dei quartieri a basso reddito e dei campi profughi interni.                                      

La Nigeria ha 44 casi COVID-19 confermati al 24 marzo 2020, in netto aumento rispetto a 8 casi della scorsa settimana . Attualmente ci sono otto casi ad Abuja, il Territorio della Capitale Federale, e 29 a Lagos, il centro commerciale del paese. È stato registrato un decesso e 2 dei 44 pazienti si sono completamente ripresi. Come in altre parti del mondo, il numero effettivo di casi è molto probabilmente molto più elevato, a causa dei test limitati e del modo in cui il virus si diffonde, con molti che potrebbero portare il virus senza mostrare alcun sintomo.

“L’aumento dei casi COVID-19 mette in evidenza i buchi spalancati nel sistema sanitario nigeriano e le preoccupazioni sulla capacità del governo di rispondere alla pandemia”, ha affermato Anietie Ewang , ricercatrice della Nigeria presso Human Rights Watch. “In questo momento critico, le autorità devono fornire informazioni tempestive e accurate sulla preparazione del paese e affrontare le incoerenze che possono aumentare la vulnerabilità dei suoi cittadini, in particolare quelli più a rischio”Il 18 marzo, Tedros Adhanom Ghebreyesus , direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), ha dichiarato che il numero di casi in Africa era molto più alto di quanto riportato e ha esortato i paesi africani a “svegliarsi” per la minaccia rappresentata dal virus. L’OMS aveva precedentemente messo in evidenza le minacce poste da COVID-19 in Africa , date le carenze nei sistemi sanitari nella regione, e implorava i paesi di investire nella preparazione alle emergenze.

Il sistema sanitario nigeriano è afflitto da insufficiente finanziamento cronico e infrastrutture limitate. Il governo ha ripetutamente mancato all’impegno del 2001 ai sensi della Dichiarazione di Abuja di spendere almeno il 15 percento del proprio budget per la salute . Nel 2018 è stato assegnato solo il 3,9 per cento e nel 2020, questo è aumentato marginalmente al 4,5 per cento. Secondo la Nigerian Medical Association, il paese ha solo circa 40.000 medici per fornire assistenza a una popolazione stimata di quasi 200 milioni. Il rapporto medico-paziente ,secondo l’OMS, è un medico per 2.500 pazienti. Il rapporto raccomandato dall’OMS è di un medico su 1.000 pazienti, il che significa che la Nigeria ha meno della metà dei medici che dovrebbe rispondere adeguatamente in una situazione non di crisi.

Il governo nigeriano ha adottato alcune misure importanti per frenare la diffusione del virus, anche rispondendo rapidamente al primo caso noto del paese e impiegando ampi sforzi per rintracciare altri casi sospetti o persone che potrebbero essere venute a contatto con i casi iniziali. Il governo ha anche intrapreso un’ampia documentazione e controlli sanitari per i passeggeri che entrano nel paese prima del divieto del 20 marzo di viaggiare all’estero. Dal 18 marzo, le autorità di vari stati e del Territorio della Capitale Federale hanno iniziato a chiudere le scuole e a vietare grandi riunioni. Il governo ha inoltre fornito aggiornamenti quotidiani sulla situazione epidemiologica e sulla risposta.

Tuttavia, l’aumento del numero di casi registrati negli ultimi giorni, dopo settimane di relativamente pochi casi segnalati, è un segnale preoccupante che le autorità devono prepararsi a rispondere al peggio della crisi.

Con solo cinque laboratori di test nel paese, tre dei quali a Lagos, la capacità di test rapidi è limitata e attualmente disponibile solo per coloro che hanno viaggiato di recente a livello internazionale o hanno avuto contatti con quelli confermati o sospettati di avere il virus.

Non è chiaro quanto siano ben attrezzati gli ospedali per curare un grande afflusso di persone con il virus. La carenza di ventilatori per aiutare i pazienti a respirare è stata registrata in altri paesi in risposta al virus.

 

 

homepage